Home page Contatti  5 x 1000  Diventa Socio Diventa Volontario Donazioni Ultime pubblicazioni

Pagina ufficiale Facebook di Don Pietro Cutuli


L'Associazione ¬
Associazione
Statuto
Soci
Volontari
Attività
Dicono di noi


La Diocesi ¬
Storia
Il Pastore
Uffici diocesani
Documenti


International view ¬
English
Español
Français
Deutch


Il Sito ¬
Indice nomi
Biblioteca
Cerca in biblioteca
Alla Mensa della Parola
Madonna a Medjugorje
Le 12 Promesse
La Sacra Bibbia


Varie ¬
News
Grafica Pastorale
Links
 
Produzioni associative
CD "Oblazione"
Libro Corona riparazione


Il respiro del Cuore ¬
Preghiere al Sacro Cuore
Rose a Maria
Pensieri di pace
Firma il Libro degli ospiti
Archivio "Fogli Raggi Sacro Cuore"


Conferenze
Giornata del Disabile

Documenti del Magistero
Documenti del Magistero

Materiale pastorale
Articoli
Catechesi
Meditazioni
Omelie
Preghiere
Rosario
Teologia

Rubriche
Cercatori di Dio nel mare della vita
Saggi di storia calabrese
Vivere insieme
[ENG] Medjugorje Messages given to Mirjana
[ENG] Monthly Medjugorje Messages
[ESP] Mensaje dado por la Virgen a través de Mirjana
[ESP] Mensual Mensajes de Medjugorje

Spiritualità
Faville della Lampada
Il Sacro Cuore e i Santi
Poesie
Raggi del Cuore di Gesù
Scintille del Sacro Cuore


Naviga
Lodi Vespri mp3
Vatican.va
Chiesa Cattolica Italiana
L’Osservatore Romano
Avvenire
misna - dalle missioni
Radio Maria
Asia News



Data pubblicazione: sabato 22 marzo 2003  

RUBRICHE - VIVERE INSIEME

RAGIONERIA DI GUERRA


Per comprendere bene quello che sta succedendo occorre fare qualche passo indietro nel tempo e guardare i retroscena di un attacco, quello americano, che si consumò nel 1991. Forse la domanda potrà sembrare banale, anche perché i talk show televisivi non stanno parlando che di questo: perché si vuole in modo irrisoluto una guerra, quando più di 100 milioni di persone in tutta Europa e anche nel mondo gridano pace? La risposta è nelle cifre: 40 miliardi di dollari è la cifra che si è sborsata per la guerra del golfo. Una cifra enorme che solo a pronunciarla fa rabbrividire. Qualcuno potrebbe pensare che questa cifra sia stata completamente caricata dal fisco sulle spalle degli americani… il 25% dei costi sono stati sostenuti dagli USA e il restante 75% dai paesi arabi in particolare Kuwait e Arabia Saudita. Se poi si vanno a vedere le quotazioni storiche del petrolio ci si accorge che prima della guerra del 1991 il prezzo dell’oro nero era di 15 dollari al barile e durante la stessa è rincarato fino a 42 dollari con un guadagno extra stimato intorno ai 60 miliardi (parliamo sempre di dollari). Nei Paesi Arabi vige la legge del fifty-fifty: 50% al governo locale, 50% alla multinazionale che controlla il giacimento. Quindi alla fine della partita le somme sono state divise equamente tra il governo saudita e kuwaitiano con le grandi compagnie petrolifere. L’opinione pubblica, che ha memoria lunga, ricorderà come l’estrazione e il commercio del petrolio nell’area mediorientale è in mano alle famose sette sorelle, di cui 5 sono proprietà del governo americano. In soldoni significa che dei 30 miliardi di dollari 9 sono andati ai privati e 21 al governo americano. La morale è presto fatta: il governo americano per la guerra di liberazione del Kuwait, sentito come dovere morale, si è messo una mano sul cuore e l’altra sulla tasca che si è trovata piena di un guadagno netto di 21 miliardi di dollari. Alla fine è facile capire che la guerra è stata pagata da tutti i consumatori di carburante e da coloro che utilizzano tutti i prodotti derivati dal petrolio, cioè noi. C’è da aggiungere a questa cifra anche tutto il guadagno derivato dall’indotto bellico che si è messo a produrre a ritmi serrati tanto da far fruttare la bellezza di 49 miliardi di dollari. I 40 miliardi di dollari spesi per la guerra sono andati a finire nell’industria bellica che, guarda caso, è anch’essa in mano agli americani. La matematica non è una opinione e quindi tra guadagni dell’indotto bellico e aumento del greggio si è arrivati alla modica cifra di 60 miliardi di dollari. E’ facile capire il perché della guerra in Afghanistan e di quella appena cominciata in Iraq. La prima aveva come principale obiettivo l’instaurazione di un governo fantoccio che desse il via libera alla costruzione di un oleodotto (di proprietà americana) lungo 2.500 km attraverso il suo territorio. Questo oleodotto, di importanza strategica, ha come unica alternativa la costruzione di un altro oleodotto, lungo 5.500 km, enormemente più costoso da costruire e da mantenere, a causa delle tasse che i paesi attraversati imporrebbero agli USA. Molto più facile, quindi, radere al suolo un paese già martoriato da 30 anni di guerra e renderlo una propria dependance, con la possibilità di costruire e gestire l’oleodotto-scorciatoia in tutta tranquillità. Per capire come mai Bush jr. voglia attaccare di nuovo l’Iraq bisogna invece sapere che gli USA sono in rotta con i loro maggiori fornitori di petrolio nell’area mediorientale: l’Arabia Saudita. La rottura sta diventando insanabile, sia perché l’Arabia Saudita è uno dei Paesi maggiormente coinvolti nel terrorismo di Bin Laden, in quanto lauti finanziatori, sia perché l’opinione pubblica internazionale è schierata in massa contro buona parte del mondo islamico che non rispetta i più elementari diritti umani. Per l’amministrazione Bush si è quindi creato un obiettivo prioritario: cercare un’alternativa petrolifera all’Arabia Saudita nell’area mediorientale. Il modo più facile, ovviamente, è fare una guerra all’Iraq e instaurare un regime fantoccio alla dipendenza diretta degli stessi USA. La domanda che sorge spontanea è: perché l’Iraq?. L’Iraq offre facili pretesti: è un paese che non può difendersi perché la povertà causata dall’embargo provoca la morte per fame di 300.000 bambini ogni anno; la presenza di armi di distruzione di massa, che peraltro sono sviluppabili solo con un’altissima tecnologia e notevoli capitali, due cose che l’Iraq proprio non possiede per giustificare l’attacco agli occhi dell’opinione pubblica, che nulla sa delle vere cause della guerra (le lotte per il controllo del petrolio); l’Iraq non gode della protezione di nessuno stato potente, in grado di opporsi con decisione alla minaccia di un attacco americano; la presenza di un dittatore feroce. Adesso non vi illudete dell’annuncio sibillino e ingannevole dato circa la diminuzione del prezzo dei carburanti. Aspettate qualche mese e poi mi direte…Non rinunciate, nonostante tutto, a gridare “Pace”.

Don Salvatore Danilo D’Alessandro

  Vai al menu della categoria



Giovanni Paolo II

"Desidero esprimere la mia approvazione e il mio incoraggiamento a quanti, a qualunque titolo, nella Chiesa continuano a coltivare, approfondire e promuovere il culto al Cuore di Cristo, con linguaggio e forme adatte al nostro tempo, in modo da poterlo trasmettere alle generazioni future nello spirito che sempre lo ha animato"
Messaggio nel centenario della consacrazione del genere umano al Cuore divino di Gesù


Parole di Gesù Divina Misericordia a
Santa Faustina Kowalska
Durante la santa Messa, che celebrò Padre Andrasz, un momento prima dell'elevazione, la presenza di Dio penetrò nella mia anima e la mia anima venne attratta verso l'altare. Ad un tratto vidi la Madonna col Bambino Gesù. Il Bambino Gesù teneva la mano della Madonna. In un momento il Bambino Gesù corse gioiosamente nel mezzo dell'altare e la Madonna mi disse: “ Guarda con quanta tranquillità affido Gesù nelle sue mani così anche tu devi affidare la tua anima ed essere come una bambina di fronte a lui”. Dopo tali parole la mia anima fu ripiena di una misteriosa fiducia.
 


I Santi di oggi
14 maggio

San Mattia Apostolo - Festa
Santi Felice e Fortunato Martiri di Aquileia
Santa Teodora (Anna-Teresa) Guerin Fondatrice
Sant'Augia Martire
San Costanzo di Vercelli Vescovo
San Claudio Martire venerato ad Anversa
Sant’ Isidoro di Chio Martire
gli altri santi ...





Ascolta Radio Maria


Copyright (c) 2002-2021 - Associazione Sacro Cuore di Gesù, Località 'Salvatore' nei Comuni di Gerocarne - Dasà (VV)
Tutti i contenuti del sito sono liberamente riproducibili a patto di citare la fonte: www.sacro-cuore.net
Home page - Contatta la nostra Associazione - 5 x 1000 - Diventa Socio
Diventa Volontario - Donazioni - Ultime pubblicazioni - Informativa cookies