Home page Contatti  5 x 1000  Diventa Socio Diventa Volontario Donazioni Ultime pubblicazioni

Pagina ufficiale Facebook di Don Pietro Cutuli


L'Associazione ¬
Associazione
Statuto
Soci
Volontari
Attività
Dicono di noi


La Diocesi ¬
Storia
Il Pastore
Uffici diocesani
Documenti


International view ¬
English
Español
Français
Deutch


Il Sito ¬
Indice nomi
Biblioteca
Cerca in biblioteca
Alla Mensa della Parola
Madonna a Medjugorje
Le 12 Promesse
La Sacra Bibbia


Varie ¬
News
Grafica Pastorale
Links
 
Produzioni associative
CD "Oblazione"
Libro Corona riparazione


Il respiro del Cuore ¬
Preghiere al Sacro Cuore
Rose a Maria
Pensieri di pace
Firma il Libro degli ospiti
Archivio "Fogli Raggi Sacro Cuore"


Conferenze
Giornata del Disabile

Documenti del Magistero
Documenti del Magistero

Materiale pastorale
Articoli
Catechesi
Meditazioni
Omelie
Preghiere
Rosario
Teologia

Rubriche
Cercatori di Dio nel mare della vita
Saggi di storia calabrese
Vivere insieme
[ENG] Medjugorje Messages given to Mirjana
[ENG] Monthly Medjugorje Messages
[ESP] Mensaje dado por la Virgen a través de Mirjana
[ESP] Mensual Mensajes de Medjugorje

Spiritualità
Faville della Lampada
Il Sacro Cuore e i Santi
Poesie
Raggi del Cuore di Gesù
Scintille del Sacro Cuore


Naviga
Lodi Vespri mp3
Vatican.va
Chiesa Cattolica Italiana
L’Osservatore Romano
Avvenire
misna - dalle missioni
Radio Maria
Asia News



Data pubblicazione: martedì 9 marzo 2004  

MATERIALE PASTORALE - MEDITAZIONI

Sesta meditazione SULLO ZELO DI GESU’ SOFFERENTE

Pro omnibus mortuus est Christus,ut qui vinunt,non sibi vivant, sed ei qui pro ipsis
Mortuus est.
<< Cristo è morto per tutti, affinchè coloro he
vivono non vivono per se stessi, ma per colui
che è morto per loro>>.
(2 Cor 5,15)

Non si può spingere lo zelo più lontano, né ci può essere più ardore , perché arriva fino a morire, né più estensione, poiché abbraccia tutto l’universo, e non dipende da Gesù che tutti gli uomini non si salvino. Sicchè , signori, se ci danniamo, non possiamo accusarne il nostro buon Maestro, poiché egli ha dato la vita per la redenzione degli uomini, ed è certissimo che noi non siamo esclusi da questa redenzione. Dilexit me et tradidit semetipsum pro me.
Mi sembra che, dato che abbiamo tutti l’intenzione di passare i giorni che ci restano fino a Pasqua nel più stretto ritiro e ai piedi di Gesù crocifisso, non potremmo occuparci più utilmente che nel considerare lo zelo che l’ha attaccato a questa croce e l’intenzione che ha avuto che tutti traggano vantaggio dalle sue sofferenze. In qualsiasi stato siamo, di fervore, di tiepidezza, o d’insensibilità, vi troveremo considerazioni che potranno confermarci nella pratica farvi predestinato: Fac ut praedestineris. Entrate nel cammino. Non lo conoscete? Andate ad apprenderlo da un saggio direttore. Vi ha giustamente fatto temere di andare all’inferno per un cammino? Abbandonatelo per prendere uno migliore. Spero che questa volta apriremo gli occhi. Ma il secondo punto ci servirà molto.



II
Il suo zelo si è steso fino ai tiepidi, fino ai peccatori. Ciò è tanto più ammirevole, perché questi dovevano servirsene in maniera tanto poco onesta, e testimoniare tanta scarsa riconoscenza, o piuttosto tanta ingratitudine, che sorprende che egli si sia dato la pena di toglierli dalla disgrazia in cui si trovavano. Si dirà, forse, che vi sono uomini che danno zelo per i peccatori. E’ differente: 1. essi non ne hanno ricevuto offesa; 2. se non ne ricevono ricompensa dai peccatori, ne riceveranno da Gesù Cristo.
O mio Dio,quando, da un lato, considero queste sofferenze e queste brame di soffrire, e dall’altro, rifletto per chi sono, per noi, per noi dico, che non vorremmo fare per voi quanto costi la minima pena: 1.. che vi contestiamo inezie; 2. che non stimiamo neppure questo beneficio; 3. che non ci degniamo trarne vantaggio; che bontà, che zelo! Ma quanto è puro, quanto è disinteressato! Perché non la lasciate perire, quest’anima disgraziata che fa tanto la difficile, che si fa tanto pregare, ecc. Io senza dubbio lo meritavo. Ma la vostra compassione è stata più grande di tutti i miei delitti.Voi vi siete commosso al vedere il danno che avrei subito, i mali in cui sarei caduto, e questa vista, nonostante la mia indengnità, vi ha fatto desiderare la morte per salvarmi.
Ma a che cosa mi serve tanta compassione, se non smetto di perdermi? A che cosa mi serve questo zelo, se io non ne ho per me stesso? E’ vero che senza di noi, voi non ci salverete: Qui creavit te sine te, te non salvabit te. Ma si può vedere una negligenza simile? Si tratta di un affare di così poca importanza, che non ci tocca più? Abbiamo mai ponderato di che si tratta?

Occupazione per la solitudine della Settimana Santa
Di che si tratta? Ci parlano tanto di questa salvezza,
Di quest’anima, di questa eternità; ci hanno fatto tante prediche. E’ proprio vero che sono al mondo solo per salvarmi? E’ proprio vero che Gesù Cristo si è fatto uomo soltanto per questo? E’ proprio vero che debbo morire, essere giudicato, rendere conto, essere punito, o ricompensato, eternamente? Abbiamo le orecchie rintronate da questi discorsi. Ma tutto questo è proprio vero? Sono convinto che Dio mi vede, Che è testimone delle mie viltà, che, quando rifiuto un’ispirazione, rifiuto lui, che è lui che offendo, che è il suo sangue che calpestato? O sono segni, o sono verità. Se sono sogni facciamone ancora di Più; divertiamoci: Fruamur bonis quae sunt, edamus et bibamus, ecc. Nullum sit pratum, quod non pertranseat luxuria nostra. Continuiamo ad amare il mondo, a tenere più in conto gli uomini che Dio più il corpo che l’anima. Ma se, come credo, sono verità, se è vero, com’è vero, che io vivo e parlo ecc., a che cosa penso, a che cosa ho pensato fino a quest’ora? E se fossi morto, e se morissi adesso, che cosa ho fatto? Dio mio, quanto siete buono per avermi atteso! Ma voi non potete aspettare sempre; la morte verrà presto, o forse non tanto presto; ma dice san Giovanni Crisostomo: << Pensate di che si tratta. Rischiare la propria anima su un ‘’forse’’, significa aver perso il senno>>.
Vediamo, dunque, se questo affare è al sicuro. Sono sul cammino che conduce al Cielo? Sono sicuro che, continuando come faccio, 1. sarà sufficiente, 2. non diventerò peggiore, 3. sarò contento all’ora della morte? <>.
Se state male, peggiorerete, perché quando ci si trova nella rilassatezza, non se ne torna indietro tanto facilmente.Inoltre questo tempo forse non verrà mai. Sarete giudicati sullo stato in cui sarete, non su quello in cui avevate l’intenzione di essere. Richiamiamo un buona volta la vostra ragione a consiglio. Se io credo fermamente, che cosa voglio dire, dov’e la mia ragione, dov’è il mio senno? Quando ci fosse solo un dubbio, vedete questo mercante come si disfa della sua merce;come quest’uomo getta i suoi mobili, per paura dell’incendio, come esce in camicia; e quest’altro, come dà il suo denaro; questo malato, come si lascia amputare. Ma non è un’incertezza, è una verità. Proprio così, la mia salvezza è in pericolo, sono in pericolo di perire eternamente; dipende solo da me mettermi al sicuro, e io non faccio tutto ciò che posso, non faccio quasi niente, non faccio niente! Bisogna decidersi: non è una faccenda da nulla. Se è l’eternità che ci attende, cinquant’anni di vita non sono nulla.
Signori, quando esaminiamo tutto ciò a sangue freddo e con
Animo non preoccupato, non sappiamo più dove siamo, non sappiamo se siamo razionali, se siamo vissuti in un incantesimo. Ma Dio mio, si dice, bisognerebbe proprio vivere in un altro modo! Non sogno ciò che sono; tutto il mio animo è ricolmo di piani per la mia fortuna, ed è un divertimento. O Dio mio, non è di questo che si tratta: sono cose passeggere, e io ho da gestirne che durano per sempre. Come sono vissuto? Come mai mi sono tanto divertito? Come mai ho fatto tanto caso a Ciò che ne merita tanto poco? Debbo dunque passare per un insensato agli occhi delle persone sagge e giudiziose.
No, non si può credervi tale, giacchè si vede bene che in tutto il resto avete giudizio; ma in ciò vi comportiate con tanta trascuratezza è da non credere, se non lo si vedesse tutti i giorni.
Io non sono uno che ha più penetrato queste verità, ma con la scarsa intelligenza che ne ho, confesso che la condotta del mondo in ciò mi è più impenetrabile che la Trinità, e che l’eternità. Non vedo nulla nei nostri misteri che sia contrario alla grandezza, alla bontà, alla potenza di Dio; ma qui tutto mi sembra opposto alla nostra stessa ragione. Sono contraddizioni spaventose tra la fede, la ragione e la nostra condotta.
E’ proprio sorprendente. Ma quel che colpisce è che ciò che
Ci fa sviare, sono soltanto inezie e falsi timori; è che sarà così fino alla fine, come se non se ne fosse mai parlato; è che non si riesce a fare ben capire ciò che si sente. Dio mio, a che ci serve la ragione? Allora, devo continuare in questa maniera di vivere?- Sì- Per quale ragione? Vi sfido a darmene una sola. Cambiamo, dunque, a partire da oggi, perché forse non ci sarà più tempo domani. Facciamo qualche cosa per noi, per i quali Gesù Cristo ha fatto tanto. Ci ha insegnato che cosa bisognava fare. Dio mio, rendici utile questa considerazione, Eccoci convinti. Ma a che cosa ci servirà tutto questo, se non a renderci inescusabili?
III
E’ morto per i reprobi. Christus mortuus est pro peccatis nostris. Non pro nostris autem tatum, sed et pro totius mundi. Perchè? Per non avere niente da rimproverarsi, affinché i reprobi non abbiano niente, neppure loro, da rimproverargli, e che non abbiano niente da dire quando saranno condannati all’inferno. E’ per questo che il giorno del giudizio la croce adorabile del mio Salvatore e le sue piaghe convinceranno i reprobi della loro ostinazione; a questo spettacolo taceranno.
Avranno l’ardire di difendersi con l’impossibilità dei comandamenti loro dati? Sarà loro presentata la croce, da cui scorrevano le grazie destinate a incoraggiarli, a fortificarli. Diranno che non sapevano di che si trattava, che sono stati ingannati e che non pensavano che la faccenda fosse tanto considerevole, che avevano considerato il peccato come un’inezia? <>. Un Dio morente dovrebbe almeno persuadervi che la faccenda esigeva qualche momento di seria riflessione. Indurranno a pretesto che non sapevano per quale via andare al cielo? E non è stato loro predicato tante volte? Non hanno tanti esempi davanti agli occhi, tanti libri che glielo insegnino? Perché è morto? Per porre la sua giustizia al sicuro, e perché i dannati non potessero lamentarsi della maniera equa, ma molto rigorosa, con cui li punirà. Voi, peccatori, non volete considerare ora un Dio crocifisso per amor vostro e per salvarvi; l’avrete per tutta l’eternità davanti agli occhi, e questo oggetto, di cui non avrete voluto trarre vantaggio, costituirà il vostro tormento maggiore. Queste piaghe, questo sangue, quest’agonia tanto crudele vi rimprovereranno eternamente la vostra insensibilità. Accasciati da questi rimproveri, gemerete inutilmente; direte, e lo direte sempre con disperazione: <>. Dio voleva pormi in cielo; ecco che cosa ha fatto per questo; era segno che voleva proprio, e io non ho voluto approfittare di tanti dolori, di tanti sforzi, di cure così grandi. Una soddisfazione tanto grande non m’è servita a niente!
Vi esorterò ad avere zelo gli uni per gli altri a imitazione di Gesù Cristo. Ma se siete fervorosi, non c’è bisogno che vi esorti a questo; quando uno ha conosciuto l’importanza della salvezza e quanto Dio è amabile, vi opera senza pensarci. Se siamo tiepidi, come possiamo essere suscettibili di zelo per la salvezza degli altri, visto che trascuriamo la nostra? Se non facciamo le cose necessarie per noi, come faremo per gli altri le cose in più? Non mi resta, dunque, che pregarvi di ascoltare Gesù Cristo, il quale, dall’altro della croce,vi dice: Tutte queste pene mi sono sembrate leggere in confronto a quelle che vi risparmiavo. Perché ne fate tanto poco conto? Perché lusingate tanto questo corpo, alla vista del mio tutto lacerato? A che servono tanti piaceri, tante dolcezze, se io ne sono totalmente privato per amor vostro? Miserere animae tuae placens Deo. Abbiate pietà della vostra anima. La morte non metterà un termine alle sue miserie, dato che è immortale. Il vostro corpo perirà: non ne resterà più nulla, e voi lo rimpinzate di piaceri, che aumenteranno i tormenti dell’anima per tutta l’eternità!
Miserere animae tuae. Credetemi, abbiate pietà della vostra
Anima, di cui io ho avuto tanta compassione. Non potete salvare la vostra anima se volete conservare il corpo; essa perirà infallibilmente, è un articolo di fede, se non fate perire il corpo. Siate dunque saggi per una volta e in una faccenda tanto importante. Mettetevi al sicuro; non c’è altro cammino per il cielo oltre a quello che vi ho mostrato. Ve l’ho tracciato; sono il vostro modello, ed essendo stato il primo a subirne tutte le difficoltà, che cosa dovete temere dopo esempi tanto grandi? Abbracciate, dunque, questa croce; soltanto per mezzo di essa potete entrare ne paradiso che vi prometto, se vi abbracciate ad essa a me. Non bisogna avere dubbi, anime sante: non c’è salvezza fuori della croce. In vista di ciò. Ditele col discepolo del Salvatore: O bona crux, quae decorem ex membris Christi eccepisti. Ma ditelo di buon cuore. O croce buona, croce amabile, quanto vi fate desiderare, quanto vi fate attendere! Dove eravate nascosta allora, quando vi cercavo con tanta ansia? Quante lacrime e sospiri mi siete costata! Ma finalmente sono oltremodo felice, perché, dopo tutto ciò, vi possederò e morirò tra le vostra braccia. Se questi sono i sentimenti Che Gesù Cristo e i santi hanno avuto della croce, Di mio, quanto sono diversi i nostri sentimenti! Quanto si sono dati da fare i santi per cercare la croce! Con quanta cura noi l’evitiamo! Dobbiamo proprio avere interessi molto diversi o, se Gesù Cristo non s’è sbagliato, trovarci in un errore spaventoso. E allora prometteremo a Dio di andare a cercare in futuro le croci più dure? No, ascoltatori cristiani, non vi do questo consiglio; questo è ancora troppo forte per noi; mancheremmo alla nostra parola: non bisogna promettere nell’orazione niente che non possiamo mantenere; bisogna pensare che è a un Dio che facciamo promessa. A che cosa dunque ci servirà la vista di tutti i tormenti del divino Salvatore? A umiliarci, a confonderci. Quanto mi vergogno di aver ricevuto la croce tanto male, di aver testimoniato tanto scarso amore, tanto poca sottomissione! Dio mio, come mi sono comportato alla minima parola? Quante viltà! Che discorsi ho tenuto! Quale consolazione, se avessi sopportato pazientemente tutto ciò che mi è capitato! Che tesoro di grazia e di merito! Passati tutti i mali, mi resterebbero meriti e ricompense eterne. Se non posso forzare il mio cuore ad amare la croce, almeno l’obbligherò ad amare un po’ meno il piacere. Me ne asterrò spesso per amore vostro, Dio mio, e così forse mi disporrò a ricevere beni più grandi. Divino mio Gesù, benedite le nostre risoluzioni, rendetele efficaci, ecc.

Claudio De La Colombiere s.j., Santo

  Vai al menu della categoria



Giovanni Paolo II

"Desidero esprimere la mia approvazione e il mio incoraggiamento a quanti, a qualunque titolo, nella Chiesa continuano a coltivare, approfondire e promuovere il culto al Cuore di Cristo, con linguaggio e forme adatte al nostro tempo, in modo da poterlo trasmettere alle generazioni future nello spirito che sempre lo ha animato"
Messaggio nel centenario della consacrazione del genere umano al Cuore divino di Gesù


Parole di Gesù Divina Misericordia a
Santa Faustina Kowalska
Sta' tranquilla, figlia Mia; vedo i tuoi sforzi, che gradisco molto.
 


I Santi di oggi
6 marzo

Beata Rosa da Viterbo Vergine
Sant'Evagrio di Costantinopoli Vescovo
Santa Coletta Boylet Vergine
San Fridolino Abate di Saeckingen
San Marciano (Marziano) di Tortona Vescovo e martire
San Crodegando di Metz Vescovo
Santi Quarantadue martiri di Siria Martiri di Amorio
gli altri santi ...





Ascolta Radio Maria


Copyright (c) 2002-2021 - Associazione Sacro Cuore di Gesù, Località 'Salvatore' nei Comuni di Gerocarne - Dasà (VV)
Tutti i contenuti del sito sono liberamente riproducibili a patto di citare la fonte: www.sacro-cuore.net
Home page - Contatta la nostra Associazione - 5 x 1000 - Diventa Socio
Diventa Volontario - Donazioni - Ultime pubblicazioni - Informativa cookies